Gruppo nanou – Motel – seconda stanza

astello Pasquini, Castiglioncello, Tensostruttura 2, 7-10 Luglio 2011 “gruppo nanou Motel [Faccende Personali]”
di Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci, con Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci, Marco Maretti, suono Roberto Rettura, light design Fabio Sajiz, scene Antonio Rinaldi, Giovanni Marocco, cura e organizzazione Elisa Paluan, concept feat. Robert Rebotti {jacklamotta}, foto Laura Arlotti
giovedì 7 luglio, ore 22, Prima Stanza, durata 30′
prodotta da nanou ass. cult e Fondo Fare Anticorpi
venerdì 8 luglio, ore 20, Seconda Stanza, durata 40′
prodotta da nanou ass. cult. e Fondazione Pontedera Teatro
coprodotta da ZTL-Pro, in collaborazione con Palladium Università  Roma Tre-Romauropa
sabato 9 luglio, ore 23, Anticamera, durata 40′
prodotta da nanou ass. cult, coprodotta da Armunia, Schloss Bràllin
prima nazionale. Realizzato con il sostegno di Centrale Fies, L’Arboreto - Teatro Dimora di Mondaino, Ravenna Teatro, Regione Emilia-Romagna – Assessorato alla Cultura, Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, Teatro Fondamenta Nuove, Associazione Cantieri, Città  di Ebla
La Trilogia di Motel è sostenuta da Fondazione Pontedera Teatro e Fondazione Fabbrica Europa
Il progetto Motel è una trilogia composta di tre stanze.
Motel è un’unità di tempo, un luogo familiare, disabitato; è la stanza dei segreti, degli amanti, delle puttane, il rifugio degli assassini, la sosta dei viaggiatori.
La drammaturgia, scandita in episodi, è l’interazione di un ristretto numero di personaggi immersi in un ambiente familiare e sostanzialmente ordinario, in cui elementi straordinari spostano l’andamento quotidiano dell’azione.
Motel può solo offrire residui narrativi per riappropriarsi del “Racconto” come maceria di un accaduto. Il “Racconto” è sempre “fuori dalla finestra”. – Il dramma non è presente in scena.
gruppo nanou nasce a Ravenna nel 2004 come spazio di confronto e valorizzazione delle competenze, degli interessi di indagine e delle attività  di un gruppo di artisti: Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci e Roberto Rettura. Il gruppo affronta, attraverso la condivisione delle proprie peculiarità , una pratica di lavoro basata sulla “relazione scenica” dei linguaggi, facendo riferimento al montaggio cinematografico come pratica di sintesi per una miscellanea di strumenti usati al di fuori da gerarchie.

Post Your Comment

Segui per mail

Sottoscrivi per ricevere per email gli aggiornamenti

Site Traffic

Hits

Pages|Hits |Unique

  • Last 24 hours: 1.945
  • Last 7 days: 6.872
  • Last 30 days: 25.150
  • Online now: 4
Traffic Counter