La voce che resta

COLOSSEO NUOVO TEATRO 18 giugno 2011 La compagnia teatrale Eraora In collaborazione con l’Associazione culturale italo-iraniana Alefba presenta ‘LA VOCE CHE RESTA – Canzone per Neda e per le sue sorelle’ di Magali Steindler. Coreografie di Simona Pettinari. Poesie di Forugh Farrokhzad. Con: Alessia Berardis, Sara Felci, Monica Grant,Gianluca Mastronardi, Magali Steindler, Daniela Tamburrino. Danzatori: Annalisa Bonsegna, Giorgia Catarinella, Alessio Cefaro, Silvia Iannuccelli, Michela Mulas, Rachele Pozzi, Jessica Silla. Musica dal vivo (daf) Shide Fazaee. Luci Moreno Pette. Suoni Payam Shahidsales. Scene Calaveras. Regia Magali Steindler. E’ solo la voce che resta, scrive Forugh Farrokhzad in una delle sue indimenticabili poesie. Neda vuol dire voce. Neda amava cantare. Ma Neda non c’è più. E’ morta, il 20 giugno 2009. E’ morta, uccisa da un cecchino in una delle strade di Tehran piene della voce dei cittadini che gridavano il loro diritto ad essere ascoltati, a decidere, a esistere. E’ morta, e come lei sono morte tante ragazze, e ragazzi, uomini e donne, assassinati dalla crudele stupidità di chi crede di annientarli. Sono morti, ma non sono annientati. La voce resta. La voce che resta porta in scena la voce delle donne iraniane. Quelle che sono morte e raccontano la loro vita, e vogliono che si sappia della loro morte. Quelle che sono vive e gridano il loro strazio per la perdita dei figli, degli amici, dei fratelli, della libertà. Quelle che vogliono farsi voce, per una sera, e raccontarsi, e cantarsi, perchè sempre di più siano le voci che possono cantare la loro storia. La voce che resta è una canzone a più voci. Da un lato ascolteremo Neda e le altre raccontare la loro vita, i loro desideri, la loro normalità. Da un altro, la voce cruda della realtà  narrerà  i momenti tragici della loro morte. Al centro, il coro delle donne iraniane, madri, mogli, sorelle, cittadine, grideranno la loro rabbia, il loro dolore. A fare da legame tra questi momenti, la splendida voce di Forugh: le sue poesie, anche se scritte più di quarant’anni fa, sembrano illustrare, in modo a volte tragico, a volte lirico, a volte ironico la realtà  che andiamo raccontando. Le poesie che forse, quasi certamente, Neda e le altre leggevano. Le poesie che hanno dato forza e corpo ai pensieri di tante donne iraniane, donando loro il coraggio di resistere. Perchè Neda e le sue sorelle possano cantare ancora. Perchè la loro voce resti. Per sempre.

Post Your Comment

Segui per mail

Sottoscrivi per ricevere per email gli aggiornamenti

Site Traffic

Hits

Pages|Hits |Unique

  • Last 24 hours: 793
  • Last 7 days: 9.191
  • Last 30 days: 37.664
  • Online now: 3
Traffic Counter